Il Movimento 5 Stelle paga il caso Roma: -2% di consensi

Al primo sondaggio sulle intenzioni di voto, dopo le ultime vicende romane, il Movimento 5 Stelle registra un calo del 2%, secondo una rilevazione SWG su un campione di 1.500 interviste. Giocandosi la crescita delle ultime settimane, tornando ad essere il terzo polo (al 26,8%).

Al secondo posto torna forte il centrodestra: la somma dei partiti sfiora il 30%. Cresce anche il Partito Democratico di oltre un punto, dopo il forte calo della scorsa settimana dovuto dalla crisi di governo, riassorbendo completamente la perdita e tornando a 32,6%.

Ma il dato più significativo è la percezione delle persone nei confronti del Movimento di Grillo: il 72% degli intervistati tra il ceto-medio e un 56% nel ceto medio-basso crede che il Movimento 5 Stelle si stia omologando agli altri partiti.

Secondo un sondaggio Demos, l’attuale governo Gentiloni risulta apprezzato dal 38% degli elettori. Dunque, in declino di fiducia, rispetto all’ultimo mese e all’ultimo governo: 2 punti in meno. Non è molto, ma si tratta, comunque, del grado di stima più basso ottenuto da un governo all’indomani del voto di fiducia delle Camere negli ultimi 5 anni. Mario Monti, in particolare, disponeva di un grado di fiducia quasi doppio (74%). Lo stesso governo Renzi, all’avvio, nel febbraio del 2014, era “stimato” dal 56% degli elettori.

Sempre secondo il sondaggio Demos, in caso si rivotasse per il referendum, oggi si ripeterebbe lo stesso risultato. Ciò significa che i pentimenti e ripensamenti restano limitati. Così, se l’83% degli elettori del Movimento 5 Stelle voterebbe di nuovo No, gli elettori del Pd farebbero l’esatto contrario. L’84% di essi, voterebbe, ancora Sì. D’altronde, l’89% degli elettori del Pd continua ad esprimere fiducia nei confronti di Renzi. Mentre il consenso verso Gentiloni, nel Pd, è poco più basso, 82%. Ma, in compenso, è più trasversale: in particolare supera il 70% tra gli elettori di centro. Circa il doppio rispetto a Renzi. E si avvicina al 60% nella base elettorale delle formazioni a sinistra del Pd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *