Milano, ballottaggio tra Sala e Parisi: per Mannheimer sfida segnata

“Comunque io credo che questa sfida, Sala-Parisi intendo, si concluderà al ballottaggio”. Sono le parole del sondaggista Renato Mannheimer, intervistato da Italia Oggi sulle elezioni per il comune di Milano. In uno scenario simile è importante capire gli spostamenti al secondo turno dei voti di M5S e Italia Unica, il movimento politico di Corrado Passera, candidato Leggi di piùMilano, ballottaggio tra Sala e Parisi: per Mannheimer sfida segnata[…]

Prima Milano, ora Roma: cinesi pronti a votare. Sul bilancio delle preferenze possono contare

I numeri parlano. E tanto. Così la bufera sulla comunità cinese che ha votato alle primarie milanesi, lo scorso weekend, per scegliere il candidato sindaco a palazzo Marino, si risolve in una cifra: 1,5%. Su 60mila votanti, solo uno su 10 era originario della Cina. Non tanti da essere decisivi nella vittoria finale di uno Leggi di piùPrima Milano, ora Roma: cinesi pronti a votare. Sul bilancio delle preferenze possono contare[…]

Milano, primarie e quel sondaggio fantasma: ma questi studi non sono un oracolo

Un rush finale con il sapore del giallo. La colpa è tutta di un sondaggio fantasma. E così l’ultimo confronto in tv tra i fantastici quattro per le primarie milanesi Francesca Balzani, Iannetta, Pierfrancesco Majorino e Giuseppe Sala (tutti rigorosamente in ordine alfabetico), più che concentrarsi sui programmi per il capoluogo lombardo si perde nella Leggi di piùMilano, primarie e quel sondaggio fantasma: ma questi studi non sono un oracolo[…]

Milano, fenomenologia di un endorsement

Quanto può essere determinante, in termini di voti, un endorsement da parte del sindaco uscente? In una recente ricerca, il 54,8% degli elettori ha risposto positivamente alla domanda posta dai ricercatori di Ipr marketing sulla disponibilità a rivotare chi oggi guida la loro città, con un aumento dell’1,4% che riporta la colonnina del consenso ai Leggi di piùMilano, fenomenologia di un endorsement[…]

Passera, da banchiere a candidato sindaco di Milano: la trasformazione non è scontata

Distante, freddo e poco conosciuto. Perché da banchiere a politico il passo non sempre è breve. Come dimostra Corrado Passera, che ha intrapreso la sua avventura politica con Mario Monti nel 2011. E adesso prova la scalata a Palazzo Marino. Non con qualche scivolone. L’esperienza al governo tecnico l’ha convinto a continuare la sua attività politica ma non Leggi di piùPassera, da banchiere a candidato sindaco di Milano: la trasformazione non è scontata[…]